Oggetto: Intervista ai presidenti

Alla vigilia del match day scambiamo 2 battute con i rispettivi presidenti:
Da una parte il presidente Gianfranco Lochis della Valcalepio al suo terzo anno da massimo dirigente della società calepina, dall’altra il presidente Battista Bassani che regge le sorti della società di Martinengo da 5 anni, ma attenzione parliamo di questo mandato, in passato ne ha già fatto alcuni se consideriamo che è nell’organigramma della società da oltre 40 anni.

Passiamo alle domande:
Pres Lochis, dopo 2 stagioni tribolate ecco una stagione che le sta regalando soddisfazioni, in linea con le aspettative ?
Pochi sono stati i presidenti che hanno bruciato le tappe risultando vincenti da subito, forse dovevo fare esperienza….. certo che oggi è più facile risolvere un eventuale intoppo rispetto al passato che invece si presentava come un problema, ne consegue che qualche soddisfazione in più la stiamo ottenendo e questo fa sempre piacere.

In cosa la società e’ cambiata ?
Dopo due stagioni “difficili” qualcosa abbiamo imparato, rivisto lo staff dirigenziale DS Bosio team manager Lochis sono stati una grande e positiva sorpresa a supporto dello staff tecnico nella gestione di una rosa che riteniamo importante.

Quale è stato il momento in cui ha capito che sarebbe stata una stagione speciale ?
L’intenzione era quella di una stagione positiva, quanto positiva l’abbiamo capito strada facendo, alla fine dell’andata la possibilità che fossimo da parte alta della classifica era ormai chiaro.

Se dovesse paragonare il suo team a una Big del calcio nazionale o internazionale, per caratteristiche, identità, cultura a quale squadra la accosterebbe ?
Valcalepio FC vuole essere un’importante riferimento per un’area geografica che va oltre il territorio comunale, se proprio devo trovare un paragone con delle big del calcio nazionale, vista la rifondazione praticata, dallo staff tecnico per passare alla dirigenza fino ad arrivare alla squadra, da milanista, banale dirlo, ma potrebbe essere un Milan da alta classifica.

E’ il turno del presidente Bassani:
Presidente, una stagione da incorniciare, era nei programmi ?
Sicuramente speravamo di poter fare un campionato di qualità rivolto a conseguire un buon risultato per poter dare lustro a tutto il nostro movimento quello che sta accadendo è qualcosa di importante e gratifica l’impegno dei ragazzi dello staff e di tutta la Società.

Forte della sua grande esperienza da dirigente quale ‘consiglio’ si sente di dare al ‘giovane’ presidente Lochis ?
Più che un consiglio l’augurio di non perdere mai la passione che è fondamentale per portare avanti la Società in tutti i suoi aspetti sportivi e di aggregazione. Sapendo che considerata la situazione generale è sempre difficile trovare persone che s’impegnano con entusiasmo.

Quale è stato il momento in cui ha capito che sarebbe stata una stagione speciale ?
La continuità dei risultati positivi e il lavoro settimanale della squadra passo dopo passo ci hanno dato consapevolezza di essere all’altezza e di poter ambire ad obiettivi importanti fino alla fine… al di là di questo importante confronto che rimane una giornata di trenta in stagione.

Se dovesse paragonare il suo team a una Big del calcio nazionale o internazionale, per caratteristiche, identità, cultura a quale squadra la accosterebbe ?
Per continuità storica della nostra società che è una delle più anziane del panorama calcistico regionale, per i risultati di questa stagione o come quando vincemmo il campionato quattro anni fa non riesco a trovare un paragone, noi siamo la ForzaeCostanza…
Battista Bassani presidente Forza & Costanza.
(emme)